Groove is a sign of life

Sembra dire banalità l’oudista e cantante tunisino Dhafer Youssef nel video di presentazione del suo ultimo CD uscito proprio oggi 16 settembre 2016 per la Okeh, “Diwan of beauty and odd”, ma ascoltandone la musica poi tutto assume un senso.

Ammaliante il suono dell’Oud, la sua cosmologia è strabiliante, o forse siamo noi che abbiamo smesso di dare significati ultraterreni alle cose dello spirito che partono da un “semplice” strumento musicale, e ci meravigliamo quando leggiamo della riproduzione dell’equilibrio dell’universo (fatto di proporzioni, rapporti, organizzazioni e leggi fra gli elementi cosmici) attraverso il piacere provato ad ascoltare la musica suonata dall’oud, la cui fattura riproduce, nel suo proprio microcosmo finito, le stesse leggi dell’infinito.

“In virtù dell’armonia cosmica, le stesse melodie celesti sono armoniose, commoventi, dolci, e recano continuamente gioia agli abitanti del mondo celeste. Nel nostro mondo, la musica scaturita dalle corde del liuto provoca piacere negli ascoltatori terreni, suscitando in loro il desiderio di innalzarsi verso il mondo delle sfere, quasi inseguendo una gioia sempre più grande e sempre più in alto”  Uno sguardo musicale sul mondo Arabo-Islamico, Cinzia Merletti, MMC edizioni, 2006.

Certo poi in questo disco c’è il pianoforte, il cui connubio con il liuto è straordinariamente elegante ma inevitabilmente più terreno. Piuma contro martello, quarti di tono contro sistema temperato, maqamat contro scale maggiori o minori. Mettiamoci pure il groove di una robusta sezione ritmica e l’esoterismo cosmologico va a farsi benedire (ma la musica ci piace molto lo stesso, parla una lingua più materiale, un po’ – parecchio – più “occidentale”).

P.s. (nonostante i limiti dello strumento) i modi arabi suonabili col pianoforte hanno comunque un grande fascino, purtroppo è sparito da Youtube il brano “Who wants the evening rose” dei Quercus, trio meraviglioso composto da June Tabor, Huw Warren e Ian Bellamy. Sarebbe stato un ottimo esempio. Qualora vi capitasse compratevi il disco omonimo uscito per la ECM nel 2013. Vale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...