Già nota la nota

Un po’ perché siamo nei tempi della riproducibilità tecnica dell’opera d’arte e un po’ perché Sanremo è sempre la solita solfa (da qui il noto claim “Perché Sanremo è Sanremo”), si òdono continui e giustificati strali sulla ripetitività delle proposte diciamo musicali.
Non è che nei secoli precedenti le cose stessero meglio, gira che ti rigira la musica è sempre la stessa (mi permetto di citare il M° Vincenzo Romano).

Colpisce, vieppiù, il fatto che nonostante l’asfissiante ristrettezza della gabbia armonica (siamo nell’ambito tonale ovviamente) si siano scritte pagine memorabili, si sia fatta la storia.
Ora non siamo più capaci di trovare la melodia vincente.
Avessimo “trop de coqs qui chantent” o veramente abbiamo detto tutto e tocca dar retta a John Cage?

Oppure, forse giustamente, Sanremo è quel che è: il festivàl sta alla musica come Ezio Greggio sta alla letteratura (effettivamente i libri li scrive…).

E allora chi se ne importa?

 

Annunci

2 thoughts on “Già nota la nota

    1. Ma non aggio parlez del festivàl, in verité: era un modo come un altro per diffondere nell’universo mondo (ovvero il mio ristretto microcosmo virtuale) questo medley della madonna (pare partorito per fare pubblicità ad una scuola di musica australiana).

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...