Proprio Uórld (checché voglia dire)

Mamak Khadem, ovvero il pop come piace a mem (licenza poetica).
Iraniana che ficca il naso in cose bulgare, serbe, macedoni, marocaine, indonesiane, etceveza etceveza: ‘na “camboggia” a dir poco.
(Per i percuotitori: ai tamburi Mino Cinelu (colui al quale cascò il djembé durante il Rock’n’Roll Hall of Fame Induction di Pìter Gàbriel, così impara: suonare quelle schifezze di plastica, tsk)  e Pezhham Akhavass, mica pizza e fichi).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...