Mai fidarsi delle copertine (o si?)

Non che si snobbi il Gonzalo Rubalcaba, per carità, ma occhiando distrattamente la copertina del suo ultimo “Suite Caminos” si tende a sottovalutarne il contenuto: a grafica brutta musica brutta.                                 Errore.                                                                                                                         Chiudere gli occhi e ascoltare.                                                                                             È  un disco carico di passione, di spiritualità, di musica cubana presa nella sua essenza di canto devozionale e miscelata con grandissimo gusto al Jazz di Rubalcaba, che per l’occasione mette le mani su diverse tastiere, oltre al piano, ovviamente.                                                                                                 Sorprendente la purezza dei Toques Batà (suonati in maniera divina) “sporcata” da interventi quasi dissonanti di Church Organ (!?) e notevoli synth lead à la Minimoog.

                                                                                                                                          Anche negli episodi più consoni al Latin Jazz “convenzionale” l’afrocubanìa serpeggia sempre con i suoni dei tre bimembranofoni liturgici (i Batà suddetti) oppure solo con gli Acheré (le “zucche con le perline”, anch’esse devozionali – quasi a non voler mai allontanarsi troppo dalla dimensione rituale).                                                                                                                       Timbales e Tumbadoras appaiono a tratti, ora con il forsennato e complicato stile contemporaneo, ora con estrema semplicità (la Rumba Columbia nel finale di “Santa Meta” è scolastica, elementare ma dopo le spigolosità dei movimenti precedenti – ogni brano è una piccola suite composta da diversi episodi – se ne ascolta l’esemplare scorrevolezza con estremo piacere).         Nel brano più “Fusion”, “Alameda de Vientos”, compare la chitarra di John McLaughlin, una sorta di ponte tra la spiritualità indiana della Mahavishnu Orchestra e quella afroamericana di “Suite Caminos” (che in questo brano sboccia prepotente nel penultimo movimento esternandosi con le voci dei rarissimi Tambores Bembé).                                                                         Completano la parata enciclopedica della Cuba più misconosciuta e misteriosa i Tambores Arará presenti nel brano “Via Prodigiosa”.                           (In realtà all’appello “percussivo-esoterico” mancherebbero i Tambores Yuka, Makuta e Iyesá ma aspettiamo fiduciosi il “Suite Caminos Vol.2”, senza fare troppo gli schizzinosi con la copertina…).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...